Cosa hanno in comune le persone resilienti?

Il modo in cui affrontiamo una crisi o un evento traumatico, come ad esempio la pandemia da coronavirus, dipende in buona parte da quanto siamo resilienti. Per resilienza si intende l’abilità di superare un’esperienza difficile e sapersi adattare, andare avanti e saper trarre degli spunti di crescita. Il livello di resilienza di un singolo è dettato dalla combinazione di tratti genetici, della storia personale e dal contesto situazionale della persona. Karestan Koenen, professore di epidemiologia psichiatrica ad Harvard, sostiene che ci siano degli elementi influenzati dalla genetica, come il livello di estroversione di una persona o di propensione al rischio, ma non è corretto affermare che alcune persone nascono più resilienti di altre: molto dipende dal contesto, dalle situazioni e dalla storia individuale, e l’elemento più significativo che influisce sul livello di resilienza di una persona è la qualità delle relazioni personali che ha un individuo, a partire dalla relazione con i genitori e, in generale, dal contesto famigliare. La resilienza, infatti, può essere considerata come un insieme di competenze che si possono acquisire dall’esposizione a situazioni molto complesse ma gestibili. Il modo in cui reagiamo allo stress dipende da quali strumenti abbiamo a disposizione in supporto alla resilienza. Di solito, la cassetta degli attrezzi della resilienza è composta da ottimismo, una visione etica, credenze religiose o spirituali, flessibilità cognitiva ed emozionale e legami sociali. 

Intervistando diverse persone considerate altamente resilienti, è stato possibile notare che hanno effettivamente alcune caratteristiche in comune. Le persone resilienti, infatti:

  1. Hanno un approccio positivo e realistico, e sono sempre in cerca di nuove opportunità
  2. Hanno un alto grado di moralità che li aiuta a distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato
  3. Credono in qualcosa di superiore, sia dal punto di vista religioso che spirituale
  4. Sono altruiste, si dedicano a cause che danno senso alle loro azioni
  5. Sanno accettare ciò che non possono cambiare e si concentrano su ciò che è sotto il loro controllo
  6. Hanno una missione, un proposito
  7. Hanno un sistema di supporto sociale e si supportano a vicenda

Leggi l‘articolo completo di Eilene Zimmerman su www.nytimes.com