SEGRETA > Numbers Don’t Lie. 71 Things You Need to Know About the World

Cosa possono insegnarci sull’umanità il sudore, il vino e l’elettricità
La seguente recensione è stata scritta e pubblicata da Bill Gates in persona, in questa versione proponiamo la traduzione integrale in italiano (originale qui).

«Vaclav Smil è il mio autore preferito, ma a volte esito a raccomandare i suoi libri ad altre persone. La sua scrittura, anche se brillante, è spesso troppo dettagliata o oscura per un pubblico generale (gli approfondimenti sulle abitudini culinarie giapponesi o sul gas naturale possono essere difficili da proporre anche ai lettori più intelligenti e riflessivi). Eppure, sono un fan abbastanza accanito da continuare a dire ai miei amici e colleghi dei suoi libri, anche se so che la maggior parte di loro non seguirà le mie raccomandazioni.

Ecco perché ero entusiasta quando Vaclav ha pubblicato uno dei suoi libri più accessibili finora. “Numbers Don’t Lie: 71 Things You Need to Know About the World” è uscito lo scorso autunno, includendo tutto ciò che rende grande la sua scrittura, ma declinandolo in un formato facile da leggere. Raccomando assolutamente questo libro a chiunque ami imparare.

Mai Vaclav aveva inserito così tante informazioni in un libro solo, e comunque resta di gran lunga il più digeribile. Ogni capitolo è lungo solo un paio di pagine e copre uno dei 71 fatti menzionati nel titolo. Eccone tre che ho trovato particolarmente interessanti:

  1. Potete ringraziare le ghiandole sudoripare per la grandezza dei nostri cervelli.
    Gli esseri umani sono i grandi campioni della sudorazione. Siamo in grado di rimuovere il calore dal nostro corpo attraverso la traspirazione meglio di qualsiasi altro mammifero (in parte perché abbiamo pochissimi peli). Vaclav scrive: “Nella gara della vita, noi umani non siamo né i più veloci né i più efficienti. Ma grazie alla nostra capacità di sudare, siamo certamente i più persistenti”.
    I nostri antenati avevano una resistenza migliore degli animali che cacciavano per nutrirsi, il che permetteva loro di consumare ricche fonti di proteine che fornivano il carburante per lo sviluppo dei nostri cervelli. La prossima volta che ti senti infelice in una giornata calda, pensa (solo) a come tutta la sudorazione che stai avendo è il motivo per cui sei così intelligente!2.
  2. I francesi bevono molto meno vino di una volta.
    “La viticoltura, il consumo di vino e le esportazioni di vino sono stati a lungo identificati come uno degli elementi chiave dell’identità nazionale” in Francia, scrive Vaclav. Nel 1926, il francese medio beveva ben 136 litri di vino (o più di 35 galloni). Ma nel 2020, questa cifra si era ridotta a soli 40 litri.
    L’idea che il consumo di vino francese sia ora un terzo di quello che era un secolo fa mi sorprende per quello che potrebbe rivelare su come la società sta cambiando. Mentre i giovani francesi bevono complessivamente meno alcol, il consumo di acqua minerale è raddoppiato dal 1990. Significa che i francesi stanno diventando più attenti alla salute? La vita era così squallida negli anni ’20 che la gente doveva bere? La gente ha sostituito il bere vino con altre distrazioni come guardare la TV o navigare sul web? Mi piace come questo libro ti costringa a pensare alla storia che sta dietro una statistica apparentemente di nicchia.4
  3. Il 1880 potrebbe essere il decennio più importante della storia umana.
    Una delle cose che preferisco della scrittura di Vaclav è la sua capacità di contestualizzare la storia. Anche se si è tentati di vedere l’era in cui stiamo vivendo ora come un periodo di innovazione senza precedenti, lui sostiene che è stato il 1880 ad aver visto il vero boom tecnologico. In quel decennio ci sono state la scoperta dell’elettricità e del motore a combustione interna, insieme a innovazioni un po’ meno consequenziali ma comunque importanti come la penna a sfera, la bicicletta moderna e la Coca-Cola.
    Vaclav crede che il progresso avvenga a scatti, piuttosto che in un flusso costante. L’umanità attraverserà lunghi periodi in cui tutto rimane uguale, e poi arriverà una nuova invenzione che darà il via a un rapido periodo di cambiamento. Per esempio, la scoperta di Thomas Edison ha permesso la creazione dell’ascensore elettrico nel 1889. Questo, a sua volta, ci ha permesso di costruire edifici più alti, come i grattacieli, poiché le persone non avrebbero più dovuto fare affidamento sulle scale per raggiungere l’ultimo piano. Il profilo delle città avrebbe un aspetto molto diverso oggi se non fosse stato per gli anni ’80 dell’800.

Se avete letto “Numbers Don’t Lie” e vi è piaciuto, potreste anche apprezzare l’ultimo libro di Vaclav, “Grand Transitions” (se non altro è un autore prolifico, ha pubblicato due libri durante la pandemia). Quest’ultimo osserva come le società siano modellate dai cambiamenti nella demografia, nell’agricoltura, nell’economia e nell’uso dell’energia. Non è così accessibile come “Numbers Don’t Lie”, ma l’argomento è così stimolante che penso la gente lo troverà interessante.

Vaclav trova molta soddisfazione e fascino nel guardare al passato. Essendo io una persona che tende ad essere ottimista riguardo alla tecnologia, forse anche troppo a volte, apprezzo come il suo naturale scetticismo riguardo alle innovazioni future aiuti a mantenere la mia prospettiva realista e con i piedi per terra. Se state cercando qualcuno che vi aiuti a capire le concatenazioni della storia, non potete fare meglio di Vaclav, e “Numbers Don’t Lie” è un ottimo punto di partenza.»